I restauri

Interventi del 2021

Il museo all’aperto è un museo vivo, parte integrante del paesaggio e dell’ambiente e, come tale, soggetto all’inevitabile degrado delle opere a causa dell’esposizione agli agenti atmosferici.

In occasione del trentennale di fondazione del progetto PISCINA ARTE APERTA  il neocostituito Museo ha avviato un  ambizioso programma di restauro, conservazione e valorizzazione di questo importante patrimonio, sancito attraverso un protocollo di intesa sottoscritto nel giugno 2021 tra  la Direzione Generale Educazione, Ricerca e Istituti Culturali (DG ERIC),  la Soprintendenza per la Città metropolitana di Torino (SABAP To), il  comune di Piscina (TO), il  Museo di Arte Contemporanea all’Aperto Piscina Arte Aperta e l’ Istituto Centrale per il Restauro. La Scuola di Alta Formazione e Studio del corso di laurea magistrale in Conservazione e Restauro dell’ICR, sedi di Roma e Matera, ha attivato un cantiere didattico nei mesi di giugno e luglio 2021, realizzando un’attività seminariale di carattere teorico-pratico, prevista per gli allievi del quinto anno dei corsi SAF – ICR, su argomenti di restauro di particolare complessità e di interesse trasversale per tutti i percorsi formativi.

Opere oggetto di Restauro

Antonio Carena

“Due trance di Cielo”, 1991

Giacomo Soffiantino

“Omaggio a Piscina” 1991

Francesco Tabusso

“Canneto a Piscina”, 1993

RESTAURO CONSERVATIVO

a cura dell’ ISTITUTO CENTRALE PER IL RESTAURO Scuola di Alta Formazione e Studio – sedi di ROMA e MATERA

Antonio Carena

Antonio Carena, “Due trance di Cielo”, 1991

Giacomo Soffiantino

“Omaggio a Piscina” 1991

Francesco Tabusso

Francesco Tabusso, “Canneto a Piscina”, 1993